26º aprile 2021
Questo materiale è disponibile nelle seguenti lingue: English, Español, Français, 日本語, Русский, 简体中文. Per favore, aiutaci con la traduzione in Italiano.

File e FileReader

Un oggetto di tipo File eredita da Blob e lo estende con funzionalità legate al filesystem.

Ci sono due modi per costruirlo.

Il primo, utilizzando il costruttore, molto simile a Blob:

new File(fileParts, fileName, [options])
  • fileParts, è un array di valori di tipo Blob/BufferSource/String.
  • fileName – il nome del file.
  • options, oggetto opzionale:
    • lastModified, il timestamp dell’ultima modifica (un intero).

Il secondo modo si applica quando otteniamo un file tramite <input type="file">, con il drag’n’drop o con altre interfacce browser. In questo caso, il file prende le informazioni dal sistema operativo.

Poiché File eredita da Blob, gli oggetti di tipo File possiedono le stesse proprietà, con l’aggiunta di:

  • name, il nome del file,
  • lastModified, il timestamp dell’ultima modifica.

Vediamo come ottenere un oggetto File tramite <input type="file">:

<input type="file" onchange="showFile(this)">

<script>
function showFile(input) {
  let file = input.files[0];

  alert(`File name: ${file.name}`); // e.g my.png
  alert(`Last modified: ${file.lastModified}`); // e.g 1552830408824
}
</script>
Da notare:

Tramite l’input è possibile selezionare più file, quindi input.files è un array. In questo caso abbiamo solamente un file, quindi è sufficiente prendere input.files[0].

FileReader

FileReader è un oggetto il cui unico scopo è quello di leggere dati da oggetti di tipo Blob (e quindi anche da quelli di tipo File).

Questo fornisce i dati utilizzando gli eventi, in quanto la lettura da disco potrebbe richiedere tempo.

Il suo costruttore:

let reader = new FileReader(); // no arguments

I metodi principali:

  • readAsArrayBuffer(blob), legge i dati in formato binario da ArrayBuffer.
  • readAsText(blob, [encoding]), legge i dati come stringa di testo con uno specifico encoding (utf-8 di default).
  • readAsDataURL(blob), legge i dati in formato binario e li codifica come URL in base64.
  • abort(), annulla l’operazione.

La scelta di quale metodo di read* utilizzare dipende molto dal formato che preferiamo utilizzare, e a come andremo ad utilizzare i dati.

  • readAsArrayBuffer, per file di tipo binario, per eseguire operazioni a basso livello. Per operazioni ad alto livello, come la rimozione di porzioni di file, File eredita da Blob, quindi possiamo invocare i suoi metodi direttamente, senza iniziare la lettura.
  • readAsText, per file di tipo testuale, per ottenerli sotto forma di stringa.
  • readAsDataURL, quando siamo interessati da utilizzare questi dati come src su un img o un altro tag. In questo caso c’è un ulteriore alternativa , che abbiamo discusso nel capitolo Blob: URL.createObjectURL(file).

Mentre il processo di lettura prosegue, vengono emessi degli eventi:

  • loadstart, la lettura è iniziata.
  • progress, durante la lettura.
  • load, nessun errore, lettura completata.
  • abort, invocato abort().
  • error, si è verificato un errore.
  • loadend, lettura completata con o senza errori.

Quando la lettura è completa, possiamo accedere al risultato come:

  • reader.result il risultato (se la lettura è avvenuta con successo)
  • reader.error l’errore (se la lettura è fallita).

Gli eventi più utilizzati sono sicuramente load e error.

Qui vediamo un esempio di lettura di un file:

<input type="file" onchange="readFile(this)">

<script>
function readFile(input) {
  let file = input.files[0];

  let reader = new FileReader();

  reader.readAsText(file);

  reader.onload = function() {
    console.log(reader.result);
  };

  reader.onerror = function() {
    console.log(reader.error);
  };

}
</script>
FileReader per blobs

Come accennato nel capitolo Blob, FileReader può essere utilizzano non solo per la lettura di file, ma per qualsiasi blob.

Possiamo utilizzarlo per convertire un Blob in un altro formato:

  • readAsArrayBuffer(blob), per convertirlo ad ArrayBuffer,
  • readAsText(blob, [encoding]), per convertirlo a string (un’alternativa a TextDecoder),
  • readAsDataURL(blob), per convertirlo ad url in base64.
FileReaderSync è disponibile all’interno dei Web Workers

Nel caso dei Web Workers, esiste anche una variante sincrona dell’oggetto FileReader, chiamata FileReaderSync.

I suoi metodi di lettura read* non generano eventi, ma ritorna un risultato, come una qualsiasi funzione regolare.

Questo è possibile solamente all’interno di un Web Worker, a causa dei ritardi dovuti alle chiamate sincrone che si possono verificare quando si legge da file, questi ritardi nei Web Workers sono meno importanti. In quanto non intaccano le performance della pagina.

Riepilogo

Gli oggetti di tipo File ereditano da Blob.

In aggiunta ai metodi ed alle proprietà ereditate da Blob, gli oggetti File possiedono le proprietà name e lastModified, oltre alla capacità di leggere direttamente dal filesystem. Solitamente otteniamo oggetti File tramite input da utente, come <input> o eventi di Drag’n’Drop (ondragend).

Gli oggetti FileReader possono leggere un File o un Blob, in uno dei seguenti formati:

  • Stringa (readAsText).
  • ArrayBuffer (readAsArrayBuffer).
  • Data URL, codificati in base-64 (readAsDataURL).

In molti casi, però, non necessitiamo di leggere il contenuto di un file. Proprio come abbiamo fatto con i Blob, possiamo creare un URL con URL.createObjectURL(file) ed assegnarlo ad un tag <a> o <img>. In questo modo il file potrà essere scaricato o mostrato come immagine, come parte di un canvas etc.

E nel caso in cui provassimo ad inviare un File sulla rete, sarà ancora più facile: le API di rete come XMLHttpRequest o fetch accettano nativamente oggetti di tipo File.

Mappa del tutorial

Commenti

leggi questo prima di lasciare un commento…
  • Per qualsiasi suggerimento - per favore, apri una issue su GitHub o una pull request, piuttosto di lasciare un commento.
  • Se non riesci a comprendere quanto scitto nell'articolo – ti preghiamo di fornire una spiegazione chiara.
  • Per inserire delle righe di codice utilizza il tag <code>, per molte righe – includile nel tag <pre>, per più di 10 righe – utilizza una sandbox (plnkr, jsbin, codepen…)