21º giugno 2021

Polyfills e transpilers

Il linguaggio JavaScript si evolve costantemente. Nuove proposte per il linguaggio arrivano regolarmente, vengono analizzate, e successivamente se ritenute valide vengono aggiunte alla lista https://tc39.github.io/ecma262/ fino a diventare delle specifiche.

I team che stanno dietro il motore di JavaScript hanno le loro personali idee riguardo cosa implementare. Potrebbero quindi decidere di implementare delle proposte recenti e posticipare quelle più vecchie a causa di difficoltà nell’implementazione.

Quindi per un motore di script è naturale implementare solo le cose che si trovano nello standard.

Se si vuole rimanere aggiornati riguardo lo stato di supporto delle caratteristiche si può controllare la pagina https://kangax.github.io/compat-table/es6/ (è molto grande, dovremmo studiare ancora molto).

Come programmatori, amiamo utilizzare le più recenti caratteristiche del linguaggio!

Ma come si può fare per farle funzionare sui vecchi motori JavaScript che non le comprendono ed interpretano?

Esistono due strumenti per questo:

  1. Transpilers.
  2. Polyfills.

In questo capitolo cercheremo di capire il loro funzionamento ed il loro ruolo nello sviluppo web.

Transpilers

Un transpiler è un particolare software che traduce il codice sorgente da un formato ad un altro. Può analizzare il codice moderno e riscriverlo utilizzando sintassi e costrutti meno recenti, rendendolo compatibile con i motori JavaScript meno recenti.

Es. JavaScript prima del 2020 non aveva “l’operatore di coalescenza nullo” ??. Quindi, se un visitatore utilizza un vecchio browser, questo non potrebbe comprendere height = height ?? 100.

Un transpiler analizzerebbe il codice e riscriverebbe height ?? 100 in (height !== undefined && height !== null) ? height : 100.

// prima dell'analisi del transpiler
height = height ?? 100;

// dopo l'analisi del transpiler
height = (height !== undefined && height !== null) ? height : 100;

Ora il codice riscritto è adatto anche ai vecchi motori JavaScript.

In genere lo sviluppatore fa girare il transpiler in locale sul proprio computer, quindi distribuisce sul server il codice riscritto.

Facendo qualche nome, Babel è uno dei più diffusi transpilers del momento.

I moderni ‘bundler’ utilizzati per ‘assemblare’ progetti, come webpack, possono eseguire il transpiler automaticamente ad ogni modifica del codice, è quindi molto facile integrarlo nei processi di sviluppo.

Polyfills

Nuove caratteristiche di un linguaggio possono riguardare, oltre alla sintassi, operatori e costrutti, anche funzioni integrate.

Ad esempio, Math.trunc(n) è una funziona che “tronca” la parte decimale di un numero, es. Math.trunc(1.23) ritorna 1.

In alcuni (vecchissimi) motori JavaScript, non esiste Math.trunc, quindi il codice non funzionerebbe.

Poiché stiamo parlando di nuove funzioni, non di modifiche alla sintassi, in questo caso non ci serve un transpiler. Dobbiamo solo dichiarare la funzione mancante.

Uno script che aggiorna/aggiunge nuove funzioni è chiamato “polyfill”. Questo colma il gap ed aggiunge le implementazioni mancanti.

In questo particolare caso, il polyfill per Math.trunc è uno script che implementa la funzione in questo modo :

if (!Math.trunc) { // se la funzione non esiste
  // implementala
  Math.trunc = function(number) {
    // Math.ceil e Math.floor sono presenti anche in vecchi motori JavaScript
    // verranno trattati più avanti in questo tutorial
    return number < 0 ? Math.ceil(number) : Math.floor(number);
  };
}

JavaScript è un linguaggio altamente dinamico, gli script possono aggiungere/modificare qualsiasi funzione, anche quelle integrate.

Due interessanti librerie polyfills sono:

  • core js ha molte funzioni e consente di includere solo le funzionalità necessarie.
  • polyfill.io servizio che fornisce uno script con polyfill, a seconda delle funzionalità e del browser dell’utente.

Riepilogo

In questo capitolo vorremmo motivarvi a studiare le funzionalità più moderne ed all’avanguardia" del linguaggio, anche se non sono ancora ben supportate dai motori JavaScript.

Basta non dimenticare di usare transpiler (se si utilizza la sintassi o gli operatori moderni) e i polyfill (per aggiungere funzioni che potrebbero mancare). Questi si assicureranno che il codice funzioni.

Ad esempio, in seguito, quando avrai familiarità con JavaScript, potrai configurare un sistema di compilazione del codice basato su webpack con babel-loader plugin.

Buone risorse che mostrano lo stato attuale del supporto per varie funzionalità:

P.S. Google Chrome è solitamente il browser più aggiornato con le funzionalità del linguaggio, provalo se una demo tutorial fallisce. Tuttavia, la maggior parte delle demo dei tutorial funziona con qualsiasi browser moderno.

Mappa del tutorial

Commenti

leggi questo prima di lasciare un commento…
  • Per qualsiasi suggerimento - per favore, apri una issue su GitHub o una pull request, piuttosto di lasciare un commento.
  • Se non riesci a comprendere quanto scitto nell'articolo – ti preghiamo di fornire una spiegazione chiara.
  • Per inserire delle righe di codice utilizza il tag <code>, per molte righe – includile nel tag <pre>, per più di 10 righe – utilizza una sandbox (plnkr, jsbin, codepen…)