28º novembre 2020

Le tecniche moderne, "use strict"

Per molto tempo JavaScript si è evoluto senza problemi di compatibilità. Nuove funzionalità venivano aggiunte al linguaggio, ma quelle vecchie non cambiavano.

Questo ha consentito al vecchio codice di non diventare obsoleto. Ma lo svantaggio è stato che cosi facendo gli errori e le decisioni imperfette fatte dai creatori di JavaScript, rimarranno nel linguaggio per sempre.

Cosi è stato fino al 2009 quando è apparsa ECMAScript 5 (ES5). Ha aggiungo nuove funzionalità al linguaggio e ne ha modificate alcune già esistenti. Per far si che il vecchio codice continui a funzionare, molte modifiche vengono disattivate di default. Diventa quindi necessario abilitarle esplicitamente con la direttiva "use strict".

“use strict”

La direttiva è simile ad una stringa: "use strict" o 'use strict'. Quando viene inserita all’inizio dello script, da quel momento l’intero script funziona nello stile “moderno”.

Per esempio:

"use strict";

// questo codice viene eseguito secondo gli standard moderni
...

Impareremo presto le funzioni (un modo per raggruppare le istruzioni).

Guardando avanti, notiamo che "use strict" può essere applicato all’inizio di una funzione (la maggior parte) piuttosto che all’intero script. La modalità strict sarà quindi attiva solo all’interno di quella funzione. Solitamente si utilizza nell’intero script.

Assicurati che “use strict” sia all’inizio

Assicurati "use strict" sia all’inizio dello script, altrimenti la modalità script non verrà abilitata.

Qui vediamo un esempio in cui non verrà attivata la modalità strict:

alert("some code");
// "use strict" qui sotto viene ignorato -- la dichiarazione deve stare sempre in cima

"use strict";

// strict mode non è attiva

Solo i commenti possono apparire prima di "use strict".

Non c’e nessun modo per annullare use strict

Non esiste nessuna direttiva "no use strict" o simile, che possa riportare lo script alla vecchia modalità.

Una volta abilitata la modalità strict, non c’e ritorno.

Browser console

In futuro, quando utilizzerete la console integrata in un browser, dovete tenere a mente che di default non vale use strict.

In certe situazioni, use strict fa veramente la differenza, quindi potreste ottenere dei risultati indesiderati.

Potete provare con Shift+Enter per inserire più righe di codice, con use strict in cima, come nell’esempio:

'use strict'; <Shift+Enter for a newline>
//  ...your code
<Enter to run>

Funziona nella maggior parte dei browser, tra cui Firefox e Chrome.

Nel caso in cui non funzioni, la miglior strada da seguire è quella di assicurarsi che use strict venga inserito, in questo modo:

"use strict";

// codice
...

Dovremmo utilizzare “use strict”?

Può sembrare una domanda ovvia, ma non lo è.

Potrebbero consigliarvi di iniziare tutti gli script con "use strict"… Ma sapete cosa c’è di bello?

JavaScript moderno supporta le “classi” e i “moduli” – delle strutture avanzate del linguaggio (a cui arriveremo più avanti), che abilitano use strict in automatico. Quindi non è necessario inserire la direttiva "use strict" se utilizziamo queste funzionalità.

Quindi, per ora "use strict"; è un ospite ben accetto nei vostri script. Più avanti, quando il vostro codice sarà suddiviso in classi e moduli, potrete ometterlo.

Al momento, è sufficenete una conoscenza generica di use strict.

Nei prossimi capitoli, quando impareremo nuove funzionalità del linguaggio, vedremo più nel dettaglio le differenze tra la “strict mode” e la “vecchia modalità”. Fortunatamente, non sono molte e sono anche molto utili.

Tutti gli esempi in questo tutorial assumono che la “strict mode” sia attiva, tranne in alcuni rarissimi casi (in cui sarà specificato).

Mappa del tutorial

Commenti

leggi questo prima di lasciare un commento…
  • Per qualsiasi suggerimento - per favore, apri una issue su GitHub o una pull request, piuttosto di lasciare un commento.
  • Se non riesci a comprendere quanto scitto nell'articolo – ti preghiamo di fornire una spiegazione chiara.
  • Per inserire delle righe di codice utilizza il tag <code>, per molte righe – includile nel tag <pre>, per più di 10 righe – utilizza una sandbox (plnkr, jsbin, codepen…)