25º marzo 2021
Questo materiale è disponibile nelle seguenti lingue: عربي, English, Español, Français, 日本語, 한국어, Русский, Türkçe, 简体中文. Per favore, aiutaci con la traduzione in Italiano.

Stili e classi

Prima di cominciare a trattare i modi in cui JavaScript interagisce con gli stili e le classi, ecco una regola importante. Si spera che sia abbastanza scontata, ma non guasta ripeterla.

Ci sono in genere due modi di applicare uno stile ad un elemento:

  1. Creare una classe CSS ed aggiungerla: <div class="...">
  2. Scrivere direttamente le proprietà dentro style: <div style="...">.

JavaScript può modificare sia le classi che le proprietà all’interno di style.

Dovremmo sempre preferire le classi CSS a style. Quest’ultimo dovrebbe essere usato solo se le classi non sono sufficienti.

Per esempio, è ragionevole l’uso di style se calcoliamo dinamicamente le coordinate di un elemento e vogliamo impostarle con JavaScript, come in casi analoghi a questo esempio:

let top = /* calcoli complessi */;
let left = /* calcoli complessi */;

elem.style.left = left; // es '123px', calcolato al momento dell'esecuzione
elem.style.top = top; // es '456px'

Per gli altri casi, come rendere rosso un testo o aggiungere un’immagine di sfondo, definiamo degli stili CSS e poi applichiamo la classe con JavaScript. È più flessibile e più facile da gestire.

className e classList

Modificare una classe è una delle operazioni più comuni negli script.

Molto tempo fa c’era una limitazione in JavaScript: una parola riservata come "class" non poteva essere una proprietà di un oggetto. Tale limitazione non c’è più, ma a quel tempo era impossibile avere una proprietà "class" come elem.class.

Quindi per le classi fu introdotta la proprietà "className" che è simile: l’attributo "class" ha il suo corrispettivo DOM in elem.className.

Per esempio:

<body class="main page">
  <script>
    alert(document.body.className); // main page
  </script>
</body>

Se assegniamo un valore a elem.className rimpiazziamo l’intero contenuto dell’attributo "class". Talvolta è il risultato che vogliamo ottenere, spesso invece vogliamo aggiungere/rimuovere una singola classe.

Esiste un’altra proprietà per quello: elem.classList.

La proprietà elem.classList è uno speciale oggetto con i metodi add/remove/toggle per aggiungere/rimuovere/alternare una singola classe.

Per esempio:

<body class="main page">
  <script>
    // aggiunge una classe
    document.body.classList.add('article');

    alert(document.body.className); // main page article
  </script>
</body>

Possiamo agire pertanto sia sulla stringa intera delle classi rappresentata da className, oppure sulle singole classi usando classList. La scelta dipende dalle nostre esigenze.

Metodi di classList:

  • elem.classList.add/remove("class") – aggiunge/rimuove la classe.
  • elem.classList.toggle("class") – aggiunge la classe se non esiste, diversamente la rimuove.
  • elem.classList.contains("class") – verifica che esista una determinata classe, restituisce true/false.

In aggiunta classList è iterabile, quindi possiamo elencare tutte le classi con for..of in questo modo:

<body class="main page">
  <script>
    for (let name of document.body.classList) {
      alert(name); // main, e dopo page
    }
  </script>
</body>

La proprietà style di un elemento

La proprietà elem.style è un oggetto corrispondente a ciò che è scritto dentro l’attributo "style". Impostando elem.style.width="100px" otteniamo lo stesso effetto che otterremmo scrivendo width:100px dentro l’attributo style.

Per le proprietà composte da più di una parola, si usa l’iniziale maiuscola dalla seconda parola in poi (camel case):

background-color  => elem.style.backgroundColor
z-index           => elem.style.zIndex
border-left-width => elem.style.borderLeftWidth

Per esempio:

document.body.style.backgroundColor = prompt('background color?', 'green');
Proprietà con prefisso

Le proprietà con il prefisso del browser come -moz-border-radius, -webkit-border-radius seguono anch’esse la stessa regola: un trattino comporta l’uso del maiuscolo.

Per esempio:

button.style.MozBorderRadius = '5px';
button.style.WebkitBorderRadius = '5px';

Resettare la proprietà style

Talvolta vogliamo assegnare uno stile e successivamente rimuoverlo.

Per esempio, per nascondere un elemento, possiamo impostare elem.style.display = "none".

Successivamente potremmo voler rimuovere style.display come se non fosse impostato. Invece di delete elem.style.display dovremmo assegnargli una stringa vuota: elem.style.display = "".

// se eseguiamo questo codice, il <body> lampeggerà
document.body.style.display = "none"; // hide

setTimeout(() => document.body.style.display = "", 1000); // ritorna alla normalità

Se assegniamo una stringa vuota a style.display, il browser applica come di consueto le classi CSS ed i suoi stili predefiniti, come se non ci fosse alcuna proprietà style.display.

Riscrittura completa con style.cssText

Di solito usiamo style.* per assegnare le proprietà di stile individualmente. Non possiamo impostare tutti gli stili in questo modo div.style="color: red; width: 100px", perché div.style è un oggetto ed è in sola lettura.

Per impostare tutti gli stili come stringa c’è una speciale proprietà style.cssText:

<div id="div">Button</div>

<script>
  // qui possiamo impostare speciali clausole di stile come "important"
  div.style.cssText=`color: red !important;
    background-color: yellow;
    width: 100px;
    text-align: center;
  `;

  alert(div.style.cssText);
</script>

Questa proprietà è usata di rado, poiché un tale assegnamento rimuove tutti gli stili esistenti: non li aggiunge, ma li sostituisce. Potrebbe eliminare inavvertitamente qualcosa di necessario. Possiamo tuttavia usarla in sicurezza per i nuovi elementi, quando siamo certi che non cancelleremo uno stile preesistente.

Lo stesso risultato può essere ottenuto impostando un attributo: div.setAttribute('style', 'color: red...').

Prestate attenzione alle unità di misura

Non dimenticate di aggiungere le unità di misura CSS ai valori.

Ad esempio, non dovremmo impostare elem.style.top a 10, piuttosto a 10px. Altrimenti non funzionerebbe:

<body>
  <script>
    // non funziona!
    document.body.style.margin = 20;
    alert(document.body.style.margin); // '' (stringa vuota, l'assegnamento è stato ignorato)

    // aggiungiamo ora l'unità di misura CSS (px) - e funziona
    document.body.style.margin = '20px';
    alert(document.body.style.margin); // 20px

    alert(document.body.style.marginTop); // 20px
    alert(document.body.style.marginLeft); // 20px
  </script>
</body>

Nota: il browser “spacchetta” la proprietà style.margin nelle ultime linee e deduce da essa style.marginLeft e style.marginTop.

Stili calcolati: getComputedStyle

Modificare uno stile, quindi, è semplice. Ma come leggerlo?

Vogliamo, ad esempio, conoscere la dimensione, i margini, il colore di un elemento. Come fare?

La proprietà style agisce solo sul valore dell’attributo "style", senza considerare alcuna cascata CSS.

Pertanto non possiamo leggere nulla che derivi dalle classi CSS tramite elem.style.

Qui, per esempio, style non rileva il margine:

<head>
  <style> body { color: red; margin: 5px } </style>
</head>
<body>

  The red text
  <script>
    alert(document.body.style.color); // vuoto
    alert(document.body.style.marginTop); // vuoto
  </script>
</body>

…ma cosa dovremmo fare se avessimo bisogno, ad esempio, di incrementare il margine di 20px? Dovremmo prima conoscerne il valore corrente.

C’è un altro metodo per quello: getComputedStyle.

La sintassi è:

getComputedStyle(element, [pseudo])
element
L’elemento di cui leggere il valore.
pseudo
Uno pseudo-elemento se richiesto, per esempio ::before. Una stringa vuota o nessun argomento significa l’elemento stesso.

Il risultato è un oggetto con gli stili, come elem.style, ma, a differenza di quello, tiene conto di tutte le classi CSS.

Per esempio:

<head>
  <style> body { color: red; margin: 5px } </style>
</head>
<body>

  <script>
    let computedStyle = getComputedStyle(document.body);

    // adesso possiamo ricavarne il margine ed il colore

    alert( computedStyle.marginTop ); // 5px
    alert( computedStyle.color ); // rgb(255, 0, 0)
  </script>

</body>
Valori computed e resolved

Ci sono due concetti nei CSS:

  1. Un valore di uno stile computed è il valore derivante dall’applicazione di tutte le regole e dell’ereditarietà dei CSS: il risultato della cascata CSS. Può essere simile a height:1em o font-size:125%.
  2. Un valore di uno stile resolved è quello applicato realmente sull’elemento. Valori come 1em o 125% sono relativi. Il browser prende i valori computed e li converte tutti in unità di misura fisse e assolute, per esempio: height:20px o font-size:16px. Per le proprietà geometriche i valori resolved possono avere la virgola, come width:50.5px.

Molto tempo addietro getComputedStyle è stato creato per ottenere i valori computed, ma si scoprì che i valori resolved erano molto più utili e lo standard è cambiato.

Attualmente, quindi, getComputedStyle restituisce il valore resolved della proprietà, di solito espressa in px per le proprietà geometriche.

getComputedStyle richiede il nome completo della proprietà

Dovremmo sempre chiedere l’esatta proprietà che si desidera, come paddingLeft o marginTop o borderTopWidth. Diversamente il risultato corretto non è garantito.

Per esempio, se ci sono le proprietà paddingLeft/paddingTop, cosa otterremmo con getComputedStyle(elem).padding? Niente, o forse un valore “generato” a partire dai valori di padding noti? Non esiste una regola standard in questo caso.

Ci sono altre incongruenze. Ad esempio, alcuni browser (Chrome) mostrano 10px nel documento in basso, ed altri (Firefox) – invece no:

<style>
  body {
    margin: 10px;
  }
</style>
<script>
  let style = getComputedStyle(document.body);
  alert(style.margin); // Firefox restituisce una stringa vuota
</script>
Gli stili applicati ai link :visited sono nascosti!

I link visitati possono ricevere un colore tramite la pseudoclasse CSS :visited.

Tuttavia `getComputedStyle non dà accesso a quel colore, poiché diversamente, una pagina arbitraria potrebbe scoprire se l’utente ha visitato un link creandolo e verificandone gli stili.

JavaScript potrebbe non rilevare gli stili applicati da :visited. C’è una limitazione nei CSS, inoltre, che vieta su :visited l’applicazione di stili che modifichino le proprietà geometriche. Questo per garantire che, per una pagina malevola, non ci sia una via traversa di testare se un link è stato visitato e quindi di violare la privacy.

Riepilogo

Per gestire le classi abbiamo a disposizione due proprietà DOM:

  • className – il valore stringa, ottimo per gestire l’intero insieme delle classi.
  • classList – l’oggetto con i metodi add/remove/toggle/contains, ottimo per gestire le classi individualmente.

Per modificare gli stili:

  • La proprietà style è un oggetto contenente gli stili CSS, le proprietà composte da più di una parola sono trascritte in camel case. Leggere e scrivere con questa proprietà equivale a modificare individualmente gli stili con l’attributo "style". Per vedere come applicare important e per altre esigenze poco comuni – c’è una lista di metodi su MDN.

  • La proprietà style.cssText corrisponde al contenuto completo dell’attributo "style", l’intera stringa degli stili.

Per leggere gli stili resolved (che tengono conto di tutte le classi, dopo che tutti i CSS sono stati applicati e sono stati calcolati i valori risultanti):

  • Il metodo getComputedStyle(elem, [pseudo]) restituisce un oggetto simile a style con tali valori. Questi sono in sola lettura.

Esercizi

importanza: 5

Scrivete una funzione showNotification(options) che crei una notifica: <div class="notification"> con un dato contenuto. La notifica dovrebbe automaticamente sparire dopo 1.5 secondi.

Le opzioni sono:

// mostra un elemento con il testo "Hello" in prossimità dell'angolo in alto a destra della finestra
showNotification({
  top: 10, // 10px dalla parte superiore della finestra (valore predefinito 0px)
  right: 10, // 10px dal bordo destro della finestra (valore predefinito 0px)
  html: "Hello!", // l'HTML della notifica
  className: "welcome" // una classe addizionale per il div (opzionale)
});

Demo in una nuova finesta

Usate il posizionamento CSS per mostrare l’elemento alle coordinate top/right ricevute. Il documento sorgente ha gli stili necessari.

Apri una sandbox per l'esercizio.

Mappa del tutorial

Commenti

leggi questo prima di lasciare un commento…
  • Per qualsiasi suggerimento - per favore, apri una issue su GitHub o una pull request, piuttosto di lasciare un commento.
  • Se non riesci a comprendere quanto scitto nell'articolo – ti preghiamo di fornire una spiegazione chiara.
  • Per inserire delle righe di codice utilizza il tag <code>, per molte righe – includile nel tag <pre>, per più di 10 righe – utilizza una sandbox (plnkr, jsbin, codepen…)