7º gennaio 2021

Alberatura DOM

La struttura portante di un documento HTML è rappresentata dai tags

Secondo il Document Object Model (DOM), ogni tag HTML è un oggetto. I tags annidati vengono chiamati “figli” del tag che li racchiude.

Tutti questi oggetti sono accessibili usando JavaScript

Ad esempio, document.body è l’oggetto che rappresenta il tag <body>.

Un esempio di DOM

document.body.style.background = 'red'; // rende il background rosso

setTimeout(() => document.body.style.background = '', 3000); // ritorna back

Qui abbiamo utilizzato style.background per cambiare il colore del background di document.body, ma ci sono molte altre proprietà, come:

  • innerHTML – il contenuto HTML del nodo.
  • offsetWidth – la larghezza del nodo (in pixel)
  • …e molto altro.

Presto apprenderemo diversi modi di manipolare il DOM, ma prima abbiamo bisogno di comprendere la sua struttura.

Un esempio di DOM

Iniziamo con un esempio molto semplice di un documento:

<!DOCTYPE HTML>
<html>
<head>
  <title>About elk</title>
</head>
<body>
  The truth about elk.
</body>
</html>

Il DOM rappresenta l’HTML sotto forma di alberatura di tag. Questo è come appare:

Nella figura qui sopra è possibile cliccare sui nodi e i rispettivi figli si apriranno/chiuderanno.

I tag sono chiamati nodi elemento (o semplicemente elementi). I tag annidati diventano figli dei tag che li contengono. Come risultato abbiamo un albero di elementi: <html> è alla radice, abbiamo poi <head> e <body> che sono i suoi figli, etc.

Il testo all’interno degli elementi forma dei nodi testuali, etichettati come #text. Un nodo di testo contiene solo una stringa. Potrebbe non avere figli ed è sempre una foglia dell’albero.

Per esempio, il tag <title> contiene il testo "About elks".

Fai caso ai caratteri speciali nei nodi di testo:

  • il ritorno a capo: (conosciuto in JavaScript come \n)
  • lo spazio:

Spazi e ritorni a capo sono caratteri assolutamente validi, costituiscono nodi testuali e diventano parte del DOM. Ad esempio, nel caso precedente, il tag <head> contiene alcuni spazi prima del <title>, e quel testo diventa un nodo #text (contiene un ritorno a capo e alcuni spazi).

Esistono solo due particolari eccezioni:

  1. Spazi e ritorni a capo prima del tag <head> sono ignorati per ragioni storiche.
  2. Se inseriamo qualcosa dopo il tag </body> questo viene automaticamente spostato dentro il body, nella sua parte finale, dato che la specifica HTML richiede che tutto il contenuto sia dentro il body. Ecco perché non ci sono spazi dopo il tag </body>.

In tutti gli altri casi è molto semplice, se esistono degli spazi (così come ogni altro carattere) nel documento, allora essi diventano nodi testuali nel DOM, e se li rimuoviamo, non esisteranno più.

Ecco un esempio in cui non esistono nodi testuali contenenti spazi:

<!DOCTYPE HTML>
<html><head><title>About elk</title></head><body>The truth about elk.</body></html>
Gli spazi presenti ai bordi e tra i nodi testuali vuoti sono solitamente nascosti

Gli strumenti del Browser (ne tratteremo a breve) che lavorano con il DOM non mostrano spazi all’inizio e alla fine del testo e dei nodi testuali vuoti tra più tags.

Questo succede perché essi sono solo dedicati ad abbellire l’HTML e non incidono su come questo viene mostrato (nella maggior parte dei casi).

Nelle prossime immagini del DOM ometteremo gli spazi quando irrilevanti.

Autocorrezione

Se il browser riscontra HTML malformato, lo corregge automaticamente in fase di creazione del DOM.

Ad esempio, il tag di livello più alto è sempre <html>. Anche se esso non è presente nel documento esisterà nel DOM, perché il browser lo creerà. Lo stesso vale per il <body>.

Ipotizziamo che l’HTML sia costituito dalla singola parola "Hello", in questo caso il browser racchiuderà la parola tra il tag <html> e <body>, aggiungendo inoltre l’obbligatorio tag <head>, fino a ottenere:

In fase di generazione del DOM, i browser processeranno automaticamente gli errori chiudendo i tags e via procedendo.

Il seguente documento senza tag di chiusura:

<p>Hello
<li>Mom
<li>and
<li>Dad

… Diventerà un normale DOM non appena il browser leggerà i tags e ripristinerà le parti mancanti:

Le tabelle hanno sempre il <tbody>

Un interessante “caso speciale” è quello delle tabelle. Secondo le specifiche DOM le tabelle devono avere il tag <tbody>, ma nell’HTML può (ufficialmente) essere omesso. In questo caso il browser creerà il tag <tbody> nel DOM automaticamente.

Per il seguente HTML:

<table id="table"><tr><td>1</td></tr></table>

La struttura del DOM sarà così:

Visto? Il <tbody> è apparso dal nulla. Per evitare sorprese, dovresti ricordarti di questa cosa in futuro nel momento in cui ti troverai a lavorare con le tabelle.

Altre tipologie di nodo

Aggiungiamo ulteriori tags e commenti alla pagina:

<!DOCTYPE HTML>
<html>
<body>
  The truth about elk.
  <ol>
    <li>An elk is a smart</li>
    <!-- comment -->
    <li>...and cunning animal!</li>
  </ol>
</body>
</html>

Vediamo ora un nuovo tipo di nodo – nodo commento, etichettato come #comment.

Potremmo chiederci – perché il commento viene aggiunto al DOM? Non incide sul risultato grafico finale. Esiste in realtà una regola – che se qualcosa è nell’HTML, allora deve essere presente anche nell’alberatura del DOM.

Tutto ciò che è presente nell’HTML, anche i commenti, finisce per essere parte del DOM.

Anche la direttiva <!DOCTYPE...> all’inizio dell’HTML è un nodo del DOM. Nell’alberatura si trova proprio prima del tag <html>. Non andremo a toccare quel nodo, non viene nemmeno rappresentato sui diagrammi, ma esiste.

L’oggetto document che rappresenta l’intero documento è anch’esso, formalmente, un nodo del DOM.

In teoria esistono 12 tipologie di nodo, ma solitamente nella pratica si lavora con solo 4 di esse:

  1. document – il punto d’ingresso del DOM.

  2. nodi elemento – tags HTML che rappresentano i blocchi con cui costruiamo l’alberatura.

  3. nodi testuali – contengono testo.

  4. commenti – qualche volta possiamo aggiungere informazioni, non verranno mostrate, ma JS potrà leggerle dal DOM.

  5. document – il “punto di ingresso” del DOM.

  6. nodi elemento – HTML-tags, i blocchi che compongono l’albero.

  7. nodi testuali – contengono testo.

  8. commenti – spesso possono essere inserite informazioni che non verranno mostrate, però JavaScript è in grado di leggerle dal DOM.

Per vedere la struttura del DOM in real-time, prova Live DOM Viewer. Inizia a scrivere e vedrai istantaneamente le modifiche aggiunte al DOM.

Un altro modo per esplorare il DOM è usare gli “Strumenti per sviluppatori” del browser. Strumenti che usiamo quando sviluppiamo.

Per procedere in questo modo, apri la pagina web elks.html, apri “Strumenti per sviluppatori” e spostati sulla scheda “Elements”.

Dovrebbe apparire così:

Puoi vedere il DOM, clicca sugli elementi e controlla i loro dettagli.

Nota che la struttura del DOM negli strumenti per sviluppatori è semplificata. I nodi testuali vengono mostrati come semplice testo e non ci sono nemmeno nodi testuali contenenti spazi vuoti. Ma va bene così, a noi interessano solo i nodi elemento.

Cliccando sul bottone , nell’angolo in alto a sinistra, avremo la possibilità di scegliere un nodo della pagina utilizzando il puntatore del mouse (o qualunque altro dispositivo a puntatore) e “ispezionarlo” (salteremo direttamente a visualizzare il nodo nella scheda Elements). Questo procedimento è ottimo nel caso in cui avessimo una pagina HTML gigantesca (con relativo DOM) e fossimo interessati a vedere il posizionamento di un particolare elemento.

Un altro metodo sarebbe quello di premere con il tasto destro su uno specifico elemento della pagina e cliccare poi su “Ispeziona” dal menù contestuale.

Nella parte destra degli strumenti per sviluppatori troviamo le seguenti schede:

  • Styles – possiamo vedere i CSS applicati all’elemento corrente, regola per regola, incluse quelle native (in grigio). Quasi tutto può essere modificato direttamente, incluse le dimensioni/margini/padding del box sottostante.
  • Computed – possiamo vedere il CSS applicato all’elemento per proprietà: per ognuna di esse possiamo vedere la regola che lo assegna (inclusa l’ereditarietà del CSS).
  • Event Listeners – possiamo vedere gli eventi registrati agli elementi del DOM (li tratteremo nella prossima parte del tutorial).
  • …E così via.

Il miglior modo per studiare è curiosare tra le varie schede e opzioni. La maggior parte dei valori è modificabile direttamente sul posto.

Interazione con la console

Mano a mano che si procede con l’esplorazione del DOM è anche possibile giocare con un po’ di JavaScript. Ad esempio: scegli un nodo ed esegui del codice per modificarlo e vederne il risultato. Alcune dritte per spostarsi tra la scheda “Elements” e la console:

  • Seleziona il primo <li> nella scheda Elements.
  • Premi il tasto Esc – si aprirà la console proprio sotto la scheda Elements.

Ora l’ultimo elemento selezionato è disponibile come $0, quello precedente come $1 etc.

Ora possiamo eseguire dei comandi. $0.style.background = 'red' colora di rosso lo sfondo dell’elemento selezionato della lista, in questo modo:

Al contrario, se ci troviamo nella console a abbiamo una variabile che referenzia un nodo del DOM, possiamo usare il comando inspect(node) per mostrarlo nel pannello Elements.

Oppure possiamo semplicemente mostrarlo nella console, come fatto qui sotto per document.body:

Questo è ovviamente a scopo di debug. Dal prossimo capitolo accederemo e modificheremo il DOM utilizzando JavaScript.

Gli strumenti per sviluppatori disponibili nel browser rappresentano un grosso aiuto nello sviluppo: possiamo navigare il DOM, sperimentare e vedere cosa non funziona.

Riepilogo

Un documento HTML/XML è rappresentato nel browser come un’alberatura DOM.

  • I tags diventano nodi elemento e formano la struttura.
  • Il testo diventa nodo testuale.
  • …etc, qualunque cosa presente nell’HTML ha il suo corrispettivo nel DOM, anche i commenti.

È possibile utilizzare gli strumenti per sviluppatori per ispezionare il DOM e modificarlo manualmente.

Con questo terminiamo i concetti base, le azioni più usate e più importanti con cui iniziare. Al sito https://developers.google.com/web/tools/chrome-devtools è disponibile una vasta documentazione riguardo i Chrome Developer Tools. Il miglior modo per imparare questi strumenti è cliccare in giro, sperimentare e leggere: la maggior parte delle opzioni sono autoesplicative. Più avanti, una volta appresi i concetti generali, leggi la documentazione e prosegui con il resto.

I nodi del DOM hanno proprietà e metodi che permettono di navigare tra i nodi stessi, modificarli e spostarli all’interno della pagina. Approfondiremo nei prossimi capitoli.

Mappa del tutorial

Commenti

leggi questo prima di lasciare un commento…
  • Per qualsiasi suggerimento - per favore, apri una issue su GitHub o una pull request, piuttosto di lasciare un commento.
  • Se non riesci a comprendere quanto scitto nell'articolo – ti preghiamo di fornire una spiegazione chiara.
  • Per inserire delle righe di codice utilizza il tag <code>, per molte righe – includile nel tag <pre>, per più di 10 righe – utilizza una sandbox (plnkr, jsbin, codepen…)