15º giugno 2021

Stringhe

In JavaScript, i dati di tipo testuale vengono memorizzati in stringhe. Non esiste un tipo separato per i caratteri singoli.

Il formato utilizzato per le stringhe è sempre UTF-16, non viene influenzato dalla codifica della pagina.

Apici

Ricapitoliamo i tipi di apice.

Le stringhe possono essere racchiuse tra singoli apici, doppi apici o backticks:

let single = 'single-quoted';
let double = "double-quoted";

let backticks = `backticks`;

Gli apici singoli e doppi sono essenzialmente uguali. I backticks, invece, ci consentono di includere una qualsiasi espressione all’interno della stringa, inserendola all’interno di ${…}:

function sum(a, b) {
  return a + b;
}

alert(`1 + 2 = ${sum(1, 2)}.`); // 1 + 2 = 3.

Un altro vantaggio nell’utilizzo di backticks è che consentono di dividere la stringa in più righe:

let guestList = `Guests:
 * John
 * Pete
 * Mary
`;

alert(guestList); // una lista di guest, in piu righe

Se proviamo a utilizzare gli apici singoli o doppi allo stesso modo, otterremo un errore:

let guestList = "Guests: // Error: Unexpected token ILLEGAL
  * John";

Gli apici singoli e doppi sono nati insieme al linguaggio, quando non era stato ancora messo in conto la possibilità di stringhe multilinea. Le backticks sono apparse più tardi, per questo risultano più versatili.

Le backticks ci consentono anche di specificare un “template di funzione” prima della backtick di apertura. La sintassi è: func`string`. La funzione func viene chiamata automaticamente, gli viene passata la “string”, può essere cosi trattata dalla funzione. Potete approfondire leggendo la documentazione. Questo viene chiamata “funzione template”. Con questa caratteristica diventa più facile raccogliere stringhe da passare a funzioni, ma è raramente utilizzata.

Caratteri speciali

E’ comunque possibile creare stringhe multilinea con singoli apici utilizzando il “carattere nuova riga”, cioè \n, che significa appunto nuova riga:

let guestList = "Guests:\n * John\n * Pete\n * Mary";

alert(guestList); // una lista di guest multi riga

Ad esempio, queste due funzioni portano allo stesso risultato:

let str1 = "Hello\nWorld"; // due righe utilizzando il "carattere nuova riga"

// due righe utilizzando le backticks
let str2 = `Hello
World`;

Ci sono altri caratteri “speciali” meno comuni. Qui una lista:

Carattere Descrizione
\n Nuova linea
\r Ritorno a capo: non utilizzato da solo. I file di testo Windows utilizzano una combinazione di due caratteri \n\r per rappresentare il termine della riga.
\', \" Apici
\\ Backslash
\t Tab
\b, \f,\v Backspace, Form Feed, Vertical Tab – mantenuti per retrocompatibilità, oggi non sono utilizzati.
\xXX Carattere Unicode rappresentato dal codice esadecimale XX, esempio '\x7A' equivale a 'z'.
\uXXXX Simbolo unicode rappresentato da codice esadecimale XXXX in codifica UTF-16, ad esempio \u00A9 – equivale a ©.
\u{X…XXXXXX} (da 1 a 6 caratteri esadecimali) Un simbolo Unicode in codifica UTF-32. Alcuni caratteri vengono codificati da due simboli unicode, ovvero 4 byte.

Esempi di unicode:

alert( "\u00A9" ); // ©
alert( "\u{20331}" ); // 佫, un raro geroglifico cinese (long unicode)
alert( "\u{1F60D}" ); // 😍, un simbolo di faccia sorridente (long unicode)

Tutti i caratteri speciali iniziano con un backslash \. Che viene anche chiamato “carattere di escape”.

Dobbiamo utilizzarlo anche se abbiamo intenzione di inserire un apice all’interno della stringa.

Ad esempio:

alert( 'I\'m the Walrus!' ); // I'm the Walrus!

Avete visto che abbiamo inserito un backslash \' prima dell’apice interno, altrimenti questo avrebbe indicato la fine della stringa.

Ovviamente, questo è valido per un apice uguale a quello utilizzato in apertura. Quindi, possiamo optare per una soluzione più elegante, ad esempio i doppi apici o i backticks:

alert( `I'm the Walrus!` ); // I'm the Walrus!

Da notare che il backslash \ ha l’unico scopo di aiutare JavaScript nella lettura della stringa, questo verrà poi rimosso. La stringa in memoria non avrà \. Lo avrete sicuramente notato con gli alert dei vari esempi sopra.

Ma se volessimo realmente mostrare un backslash \ dentro la stringa?

E’ possibile farlo, ma dobbiamo esplicitarlo con un doppio backslash \\:

alert( `The backslash: \\` ); // The backslash: \

String length

La proprietà length (lunghezza) contiene la lunghezza della stringa:

alert( `My\n`.length ); // 3

Da notare che \n è contato come unico carattere “speciale”, quindi la lunghezza risulta essere 3.

length è una proprietà

Alcune persone abituate ad altri linguaggi possono confondere al chiamata str.length() con str.length. Questo è un errore.

Infatti str.length è una proprietà numerica, non una funzione. Non c’è alcun bisogno delle parentesi.

Accesso ai caratteri

Per ottenere un carattere alla posizione pos, si utilizzano le parentesi quadre [pos] oppure la chiamata al metodo str.charAt(pos). Il primo carattere parte dalla posizione zero:

let str = `Hello`;

// il primo carattere
alert( str[0] ); // H
alert( str.charAt(0) ); // H

// l'ultimo carattere
alert( str[str.length - 1] ); // o

L’utilizzo delle parentesi quadre è il modo più classico per accedere ad un carattere, mentre charAt esiste principalmente per ragioni storiche.

L’unica differenza sta nel comportamento in casi di carattere non trovato, [] ritorna undefined, e charAt ritorna una stringa vuota:

let str = `Hello`;

alert( str[1000] ); // undefined
alert( str.charAt(1000) ); // '' (una stringa vuota)

Possiamo iterare sui caratteri utilizzando for..of:

for (let char of "Hello") {
  alert(char); // H,e,l,l,o (char diventa "H", poi "e", poi "l" etc)
}

Le stringhe sono immutabili

Le stringhe in JavaScript non possono essere modificate. Risulta impossibile cambiare anche un solo carattere.

Possiamo anche provare a modificarla per vedere che non funziona:

let str = 'Hi';

str[0] = 'h'; // errore
alert( str[0] ); // non funziona

Il metodo utilizzato per aggirare questo problema è creare una nuova stringa ed assegnarla a str sostituendo quella vecchia.

Ad esemepio:

let str = 'Hi';

str = 'h' + str[1];  // rimpiazza str

alert( str ); // hi

Nelle prossime sezioni vedremo ulteriori esempi.

Cambiare il timbro delle lettere

I metodi come toLowerCase() e toUpperCase() cambiano il timbro delle lettere:

alert( 'Interface'.toUpperCase() ); // INTERFACE
alert( 'Interface'.toLowerCase() ); // interface

Altrimenti, possiamo agire anche su un singolo carattere:

alert( 'Interface'[0].toLowerCase() ); // 'i'

Cercare una sotto-stringa

Ci sono diversi modi per cercare una sotto-stringa all’interno di una stringa.

str.indexOf

Il primo metodo è str.indexOf(substr, pos).

Quello che fa è cercare substr in str, ad iniziare dalla posizione pos, e ne ritorna la posizione una volta trovata, se non trova corrispondenze ritorna -1.

Ad esempio:

let str = 'Widget with id';

alert( str.indexOf('Widget') ); // 0, perché 'Widget' è stato trovato all'inizio
alert( str.indexOf('widget') ); // -1, non trovato, la ricerca è case-sensitive

alert( str.indexOf("id") ); // 1, "id" è stato trovato alla posizione di indice 1

Il secondo parametro opzionale ci consente di cercare a partire dalla posizione fornita.

Ad esempio, la prima occorrenza di "id" è alla posizione 1. Per trovare la successiva occorrenza, dovremmo iniziare a cercare dalla posizione 2:

let str = 'Widget with id';

alert( str.indexOf('id', 2) ) // 12

Se siamo interessati a tutte le occorrenze, possiamo utilizzare indexOf in un ciclo. Ogni chiamata viene fatta a partire dalla posizione della precedente corrispondenza:

let str = 'As sly as a fox, as strong as an ox';

let target = 'as'; // procediamo con la ricerca

let pos = 0;
while (true) {
  let foundPos = str.indexOf(target, pos);
  if (foundPos == -1) break;

  alert( `Found at ${foundPos}` );
  pos = foundPos + 1; // continua la ricerca a partire dalla prossima posizione
}

Lo stesso algoritmo può essere riscritto più brevemente:

let str = "As sly as a fox, as strong as an ox";
let target = "as";

let pos = -1;
while ((pos = str.indexOf(target, pos + 1)) != -1) {
  alert( pos );
}
str.lastIndexOf(substr, position)

Un altro metodo simile è str.lastIndexOf(substr, position), che effettua la ricerca partendo dalla fine della stringa.

Elenca quindi le occorrenze in ordine inverso.

C’è solo un piccolo inconveniente dovuto all’utilizzo di indexOf all’interno delle espressioni if. Non possiamo inserirlo in un if in questo modo:

let str = "Widget with id";

if (str.indexOf("Widget")) {
    alert("We found it"); // non funziona!
}

L’ alert nell’esempio sopra non viene mostrato perché str.indexOf("Widget") ritorna 0 (significa che è stata trovata una corrispondenza nella posizione iniziale). Ed è corretto, ma if considera 0 come false.

Quindi dovremmo verificare il -1, in questo modo:

let str = "Widget with id";

if (str.indexOf("Widget") != -1) {
    alert("We found it"); // ora funziona!
}

Il trucco del NOT bit a bit

Uno dei trucchi più utilizzati è l’operatore di NOT bit a bit ~. Questo converte il numero ad un intero in 32bit (rimuovendo la parte decimale se presente) e successivamente inverte tutti i bit.

Per gli interi in 32bit la chiamata ~n ha lo stesso risultato di -(n+1) (a causa del formato IEEE-754).

Ad esempio:

alert( ~2 ); // -3, lo stesso di -(2+1)
alert( ~1 ); // -2, lo stesso di -(1+1)
alert( ~0 ); // -1, lo stesso di -(0+1)
alert( ~-1 ); // 0, lo stesso di -(-1+1)

Come avete potuto osservare, ~n vale zero solo se n == -1.

Quindi, il test if ( ~str.indexOf("...") ) è vero allora il risultato di indexOf non è -1. In altre parole, è stata trovata una corrispondenza.

Le persone lo utilizzano per abbreviare i controlli con indexOf:

let str = "Widget";

if (~str.indexOf("Widget")) {
  alert( 'Found it!' ); // funziona
}

Solitamente è sconsigliato utilizzare caratteristiche del linguaggio per azioni che possono risultare poco ovvie, ma questo particolare trucco è ampiamente utilizzato, quindi è giusto conoscerlo.

Ricordatevi solo che: if (~str.indexOf(...)) si legge come “se trovi”.

Per essere precisi, numeri molto grandi vengono troncati a 32bit dall’operatore ~, esistono altri numeri che potrebbero dare 0, il più piccolo è ~4294967295=0. Questo fa si che questo tipo di controlli siano corretti solamente se una stringa non è troppo lunga.

Attualmente questo trucco lo troviamo solamente nei codici vecchi, poiché JavaScript moderno fornisce un metodo dedicato, .includes(vedi sotto).

includes, startsWith, endsWith

Un metodo più moderno come str.includes(substr, pos) ritorna true/false basandosi solo sull’aver trovato in str la substr.

E’ la scelta migliore se abbiamo bisogno di verificarne solo la corrispondenza, senza dover necessariamente conoscerne la posizione:

alert( "Widget with id".includes("Widget") ); // true

alert( "Hello".includes("Bye") ); // false

Il secondo argomento opzionale di str.includes è la posizioni da cui iniziare a cercare:

alert( "Midget".includes("id") ); // true
alert( "Midget".includes("id", 3) ); // false, dalla posizione 3 non c'è "id"

I metodi str.startsWith e str.endsWith fanno esattamente ciò che dicono i loro nomi:

alert( "Widget".startsWith("Wid") ); // true, "Widget" inizia con "Wid"
alert( "Widget".endsWith("get") );   // true, "Widget" finisce con "get"

Estrarre una sotto-stringa

Ci sono 3 metodi in JavaScript per estrarre una sotto-stringa: substring, substr e slice.

str.slice(start [, end])

Ritorna la parte di stringa che va da start fino a end (esclusa).

Ad esempio:

let str = "stringify";
alert( str.slice(0, 5) ); // 'strin', la sottostringa da 0 a 5 (escluso 5)
alert( str.slice(0, 1) ); // 's', da 0 a 1, escluso 1, quindi solamente il carattere 0

Se non c’è un secondo argomento, allora slice si ferma alla fine della stringa:

let str = "stringify";
alert( str.slice(2) ); // ringify, dalla seconda posizione fino alla fine

Sono possibili anche valori negativi per start/end. Questo significa che la posizione verrà contata a partire dalla fine della stringa:

let str = "stringify";

// incomincia dalla 4 posizione a partire da destra, e si termina alla prima a partire da destra
alert( str.slice(-4, -1) ); // gif
str.substring(start [, end])

Ritorna la parte di stringa compresa tra start e end.

E’ molto simile a slice, ma consente di avere start maggiore di end.

Ad esempio:

let str = "stringify";

// questi sono identici per substring
alert( str.substring(2, 6) ); // "ring"
alert( str.substring(6, 2) ); // "ring"

// ...non per slice:
alert( str.slice(2, 6) ); // "ring" (lo stesso)
alert( str.slice(6, 2) ); // "" (una stringa vuota)

Argomenti negativi (a differenza di slice) non sono supportati, vengono trattati come 0.

str.substr(start [, length])

Ritorna la parte di stringa a partire da start, e della lunghezza length data.

Diversamente dai metodi precedenti, questo ci consente di specificare la length (lunghezza) piuttosto della posizione in cui terminare l’estrazione:

let str = "stringify";
alert( str.substr(2, 4) ); // ring, dalla seconda posizione prende 4 caratteri

Il primo argomento può anche essere negativo come con slice:

let str = "stringify";
alert( str.substr(-4, 2) ); // gi, dalla quarta posizione prende 4 caratteri

Ricapitoliamo questi metodi per evitare confusione:

metodo selezione… negativi
slice(start, end) da start a end (end escluso) indici negativi ammessi
substring(start, end) tra start e end valori negativi valgono come 0
substr(start, length) da start per length caratteri consente indice di start negativo
Quale scegliere?

Tutti i metodi esaminati possono portare a termine il lavoro. Formalmente, substr ha un piccolo inconveniente: non è descritto nelle specifiche del core JavaScript, ma in quelle di Annex B, che copre solo le caratteristiche utili nello sviluppo browser. Quindi ambienti diversi dal browser potrebbero non supportarla. Ma nella pratica viene utilizzata ovunque.

L’autore della guida si trova spesso ad utilizzare il metodo slice.

Confronto tra stringhe

Come sappiamo dal capitolo Confronti, le stringhe vengono confrontate carattere per carattere in ordine alfabetico.

Sebbene ci siano dei casi particolari.

  1. Una lettera minuscola è sempre maggiore di una maiuscola:

    alert( 'a' > 'Z' ); // true
  2. Le lettere con simboli particolari (come quelle tedesche) non vengono considerate:

    alert( 'Österreich' > 'Zealand' ); // true

    Questo potrebbe portare a strani risultati se provassimo ad ordinare le città per nome. Solitamente ci si aspetta di trovare Zealand dopo Österreich.

Per capire cosa succede, dobbiamo guardare alla rappresentazione interna delle stringhe in JavaScript.

Tutte le stringhe vengono codificate utilizzando UTF-16. Cioè: ogni carattere ha un suo codice numerico. Ci sono alcuni metodi che consentono di ottenere il carattere dal codice (e viceversa).

str.codePointAt(pos)

Ritorna il codice per il carattere alla posizione pos:

// lettere di timbro differente possiedono codici differenti
alert( "z".codePointAt(0) ); // 122
alert( "Z".codePointAt(0) ); // 90
String.fromCodePoint(code)

Crea un carattere preso dalla sua rappresentazione numerica code:

alert( String.fromCodePoint(90) ); // Z

Possiamo anche aggiungere caratteri unicode tramite il loro codice utilizzando \u seguito dal codice esadecimale:

// 90 è 5a nel sistema esadecimale
alert( '\u005a' ); // Z

Ora vediamo i caratteri con il codice compreso tra 65..220 (l’alfabeto latino e qualche extra) creando una stringa:

let str = '';

for (let i = 65; i <= 220; i++) {
  str += String.fromCodePoint(i);
}
alert( str );
// ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ[\]^_`abcdefghijklmnopqrstuvwxyz{|}~€‚ƒ„
// ¡¢£¤¥¦§¨©ª«¬­®¯°±²³´µ¶·¸¹º»¼½¾¿ÀÁÂÃÄÅÆÇÈÉÊËÌÍÎÏÐÑÒÓÔÕÖ×ØÙÚÛÜ

Visto? Le lettere maiuscole vengono prima, poi ci sono un po di caratteri speciali e successivamente le lettere minuscole.

Ora è molto più ovvio il motivo per cui a > Z risulta vero.

I caratteri vengono confrontati utilizzando il loro codice numerico. Un codice maggiore significa che il carattere è maggiore. Il codice di a (97) è maggiore del codice di Z (90).

  • Tutte le lettere minuscole vengono dopo quelle maiuscole perché il loro codice è maggiore.
  • Alcune lettere come Ö vengono escluse dall’alfabeto. Il suo codice viene considerato maggiore di qualsiasi lettera compresa tra a e z.

Confronto tra stringhe corretto

L’algoritmo più corretto da utilizzare per confrontare stringhe è più complesso di quanto si possa pensare, poiché l’alfabeto è diverso per ogni lingua. Lettere uguali possono avere posizioni diverse nei vari alfabeti.

Quindi il browser deve sapere quale lingua utilizzare nel confronto.

Fortunatamente, tutti i browser moderni (IE10 richiede una libreria esterna Intl.js) supportano lo standard internazionale ECMA-402.

Questo fornisce uno speciale metodo per confrontare stringhe in lingue diverse, seguendo delle regole.

La chiamata str.localeCompare(str2):

  • Ritorna 1 se str è maggiore di str2 seguendo le regole della lingua.
  • Ritorna -1 se str è minore di str2.
  • Ritorna 0 se sono uguali.

Ad esempio:

alert( 'Österreich'.localeCompare('Zealand') ); // -1

Questo metodo in realtà ha due argomenti opzionali specificati nella documentazione, che consentono di specificare la lingua (di default viene presa dall’ambiente) e impostare delle regole aggiuntive come il timbro delle lettere, oppure se "a" e "á" dovrebbero essere trattate ugualmente etc.

Internamente, Unicode

Apprendimento avanzato

Questa sezione andrà più in profondità riguardo le stringhe. Quello che leggerai ti potrà essere utile se hai intenzione di utilizzare emoji, simboli matematici o geroglifici.

Puoi semplicemente saltare questa sezione se non hai in programma di utilizzarle.

Coppie surrogate

Molti simboli hanno un codice composto da 2 byte. Molte lettere di alfabeti europei, numeri, e anche molti geroglifici, hanno una rappresentazione in 2 byte.

Ma con 2 byte sono consentite solamente 65536 combinazioni, non sono comunque sufficienti per ogni tipo di simbolo possibile. Quindi molti simboli vengono codificati con una coppia di 2 byte chiamati “coppia surrogata”.

La lunghezza di questi simboli è 2:

alert( '𝒳'.length ); // 2, X matematica
alert( '😂'.length ); // 2, faccia con lacrime di felicità
alert( '𩷶'.length ); // 2, un raro geroglifico cinese

Da notare che le coppie surrogate non esistevano al momento della creazione di JavaScript, non vengono quindi processate correttamente dal linguaggio!

In realtà abbiamo un solo simbolo in ogni stringa sopra, ma la length vale 2.

String.fromCodePoint e str.codePointAt sono dei metodi utilizzati per lavorare con le coppie surrogate. Sono apparsi di recente nel linguaggio. Prima di loro, esisteva solo String.fromCharCode e str.charCodeAt. Sono esattamente la stessa cosa di fromCodePoint/codePointAt, semplicemente non funzionano con le coppie surrogate.

Però cercare di ottenere un simbolo può essere difficile, poiché una coppia surrogata viene trattata come due caratteri:

alert( '𝒳'[0] ); // uno strano simbolo...
alert( '𝒳'[1] ); // ...parte di una coppia surrogata

Da notare che un pezzo di una coppia surrogata non ha alcun senso senza l’altro. Quindi nell’esempio sopra verrà mostrata “spazzatura”.

Tecnicamente, le coppie surrogate sono decifrabili anche per i loro codici: se il primo carattere ha un intervallo di codice di 0xd800..0xdbff. Allora il successivo carattere (seconda parte) deve avere l’intervallo 0xdc00..0xdfff. Questi intervalli sono riservati esclusivamente per coppie surrogate definite dallo standard.

Nell’esempio sopra:

// charCodeAt non è consapevole delle coppie surrogate, quindi fornisce i codici delle due parti

alert( '𝒳'.charCodeAt(0).toString(16) ); // d835, tra 0xd800 e 0xdbff
alert( '𝒳'.charCodeAt(1).toString(16) ); // dcb3, tra 0xdc00 e 0xdfff

Nel capitolo Iteratori troverete molti altri modi per operare con le coppie surrogate. Ci sono anche delle librerie dedicate, ma nulla di abbastanza completo da meritare di essere menzionato.

Lettere speciali e normalizzazione

In molte lingue ci sono lettere composte da un carattere di base completato da un simbolo che può stare sopra/sotto.

Ad esempio, la lettera a può essere il carattere di base per: àáâäãåā. Molti dei caratteri “composti” hanno una loro rappresentazione nella tabella UTF-16. Però non tutte, poiché le combinazioni possibili sono veramente molte.

Per supportare composizioni arbitrarie, UTF-16 ci consente di utilizzare diversi caratteri unicode. Un carattere di base ed uno o più “simboli” con cui “decorare” il carattere di base.

Ad esempio, se abbiamo S con uno speciale “punto sopra” (codice \u0307), viene mostrato Ṡ.

alert( 'S\u0307' ); // Ṡ

Se abbiamo bisogno di un ulteriore segno sopra la lettera (o sotto) – nessun problema, è sufficiente aggiungere il simbolo necessario.

Ad esempio, se vogliamo aggiungere un “punto sotto” (codice \u0323), allora otterremo una “S con due punti, sopra e sotto”: Ṩ.

Ad esempio:

alert( 'S\u0307\u0323' ); // Ṩ

Questo consente una grande flessibilità, ma crea anche un potenziale problema: due caratteri potrebbero sembrare uguali, ma differire per la loro composizione di codici unicode.

Ad esempio:

alert( s1 == s2 ); // false, nonostante i due caratteri sembrino identici (?!)

Per risolvere questo, esiste un algoritmo di “normalizzazione unicode” che porta ogni stringa alla forma “normale”.

Questo algoritmo viene implementato da str.normalize().

alert( "S\u0307\u0323".normalize() == "S\u0323\u0307".normalize() ); // true

E’ divertente notare che nella nostra situazione normalize() trasforma una sequenza di 3 caratteri in una che ne contiene solo uno: \u1e68 (S con due punti).

alert( "S\u0307\u0323".normalize().length ); // 1

alert( "S\u0307\u0323".normalize() == "\u1e68" ); // true

In realtà, non è sempre cosi. La ragione è che il simbolo Ṩ è “abbastanza comune”, quindi la tabella UTF-16 lo contiene già.

Se volete approfondire il tema della normalizzazione e le sue varianti – vengono descritte nell’appendice dello standard Unicode: Unicode Normalization Forms, nella pratica le informazioni fornite in questa sezione, ti saranno sufficienti.

Riepilogo

  • Ci sono 3 tipi di apici. Le backticks consentono stringhe multi-linea ed espressioni integrate.
  • Le stringhe in JavaScript vengono codificate usando UTF-16.
  • Possiamo utilizzare caratteri speciali come \n ed inserire lettere tramite il codice unicode \u....
  • Per ottenere un carattere, si utilizza: [].
  • Per ottenere una sotto-stringa, si utilizza: slice o substring.
  • Per cambiare il timbro delle lettere di una stringa si utilizza: toLowerCase/toUpperCase.
  • Per cercare una sotto-stringa, usate: indexOf, o includes/startsWith/endsWith per controlli semplici.
  • Per confrontare stringhe seguendo le regole della lingua, usate: localeCompare, altrimenti verranno comparate in base al codice del singolo carattere.

Ci sono molti altri metodi utili per operare con le stringhe:

  • str.trim() – rimuove gli spazi all’inizio e alla fine della stringa.
  • str.repeat(n) – ripete la stringa n volte.
  • …e molto altro. Guarda il manuale per maggiori dettagli.

Le stringhe possiedono anche metodi per eseguire ricerche/rimpiazzi con le regular expression. Ma l’argomento merita un capitolo separato, quindi ci ritorneremo più avanti, Regular expressions.

Esercizi

importanza: 5

Scrivete una funzione ucFirst(str) che ritorni la stringa str con la prima lettera maiuscola, ad esempio:

ucFirst("john") == "John";

Apri una sandbox con i test.

Non possiamo “rimpiazzare” il primo carattere, perché in JavaScript le stringhe sono immutabili.

Possiamo invece creare una nuova stringa basata su quella già esistente, con la prima lettera maiuscola:

let newStr = str[0].toUpperCase() + str.slice(1);

C’è comunque un piccolo problema. Se str è vuota, allora str[0] è undefined, quindi otterremo un errore.

Ci sono due possibili varianti qui:

  1. Utilizzare str.charAt(0), che ritorna sempre una stringa (eventualmente vuota).
  2. Aggiungere una verifica di stringa vuota.

Qui abbiamo scelto la seconda variante:

function ucFirst(str) {
  if (!str) return str;

  return str[0].toUpperCase() + str.slice(1);
}

alert( ucFirst("john") ); // John

Apri la soluzione con i test in una sandbox.

importanza: 5

Scrivete una funzione checkSpam(str) che ritorna true se str contiene ‘viagra’ o ‘XXX’, altrimenti false.

La funzione non deve essere sensibile al timbro delle lettere (quindi lettere maiuscole e minuscole vengono trattate allo stesso modo):

checkSpam('buy ViAgRA now') == true
checkSpam('free xxxxx') == true
checkSpam("innocent rabbit") == false

Apri una sandbox con i test.

Per far si che la ricerca sia case-insensitive (non distingue lettere minuscole da quelle maiuscole), portiamo l’intera stringa a lettere minuscole e poi eseguiamo la ricerca:

function checkSpam(str) {
  let lowerStr = str.toLowerCase();

  return lowerStr.includes('viagra') || lowerStr.includes('xxx');
}

alert( checkSpam('buy ViAgRA now') );
alert( checkSpam('free xxxxx') );
alert( checkSpam("innocent rabbit") );

Apri la soluzione con i test in una sandbox.

importanza: 5

Create una funzione truncate(str, maxlength) che controlla la lunghezza di str e, se questa eccede maxlength – rimpiazzate la fine di str con il carattere "…", in modo tale da ottenere una lunghezza pari a maxlength.

Come risultato la funzione dovrebbe troncare la stringa (se ce n’è bisogno).

Ad esempio:

truncate("What I'd like to tell on this topic is:", 20) = "What I'd like to te…"

truncate("Hi everyone!", 20) = "Hi everyone!"

Apri una sandbox con i test.

La lunghezza massima deve essere maxlength, quindi abbiamo bisogno di troncare la stringa, per fare spazio al carattere “…”

Da notare che esiste un carattere Unicode che identifica “…”. Questo non è lo stesso che usare tre punti.

function truncate(str, maxlength) {
  return (str.length > maxlength) ?
    str.slice(0, maxlength - 1) + '…' : str;
}

Apri la soluzione con i test in una sandbox.

importanza: 4

Abbiamo un costo pari a "$120". Dove: il simbolo del dollaro viene per primo, poi segue il numero.

Create una funzione extractCurrencyValue(str) in grado di estrarre il valore numerico da una stringa, e che successivamente lo ritorni.

Un esempio:

alert( extractCurrencyValue('$120') === 120 ); // true

Apri una sandbox con i test.

function extractCurrencyValue(str) {
  return +str.slice(1);
}

Apri la soluzione con i test in una sandbox.

Mappa del tutorial

Commenti

leggi questo prima di lasciare un commento…
  • Per qualsiasi suggerimento - per favore, apri una issue su GitHub o una pull request, piuttosto di lasciare un commento.
  • Se non riesci a comprendere quanto scitto nell'articolo – ti preghiamo di fornire una spiegazione chiara.
  • Per inserire delle righe di codice utilizza il tag <code>, per molte righe – includile nel tag <pre>, per più di 10 righe – utilizza una sandbox (plnkr, jsbin, codepen…)