27º gennaio 2021

Operatori condizionali: if, '?'

Qualche volta abbiamo bisogno di eseguire certe azioni solo nel caso valgano determinate condizioni.

Per questo c’è l’istruzione if e l’operatore condizionale di valutazione a cui ci riferiremo, per semplicità, con “l’operatore punto di domanda” ?.

L’istruzione “if”

L’istruzione if(...) valuta una condizione (racchiusa nelle parentesi); se il risultato è true, esegue il codice che segue if.

Ad esempio:

let year = prompt('In which year was ECMAScript-2015 specification published?', '');

if (year == 2015) alert( 'You are right!' );

Nell’esempio sopra, la condizione è un semplice controllo di uguaglianza: year == 2015, ma potrebbe essere qualcosa di molto più complesso.

Se dobbiamo eseguire più di un’istruzione, queste vanno raggruppate tramite parentesi graffe:

if (year == 2015) {
  alert( "That's correct!" );
  alert( "You're so smart!" );
}

E’ consigliabile raggruppare sempre il codice all’interno delle parentesi graffe {}, quando si usa un if, anche se contiene una sola istruzione. La leggibilità ne guadagna.

Conversione booleana

L’istruzione if (…) valuta la condizione tra le parentesi e converte il risultato al tipo booleano.

Ricordiamo le regole di conversione viste nel capitolo Conversione di tipi:

  • Il numero 0, una stringa vuota "", null, undefined e NaN diventano false. Per questo vengono chiamati valori “falsi”.
  • Gli altri valori diventano true, quindi vengono chiamati “veri”.

Quindi, il codice nell’esempio sotto, non verrà mai eseguito:

if (0) { // 0 è falso
  ...
}

…Nel seguente esempio, invece, verrà sempre eseguito:

if (1) { // 1 è vero
  ...
}

Possiamo anche passare un valore già valutato in precedenza, come qui:

let cond = (year == 2015); // l'uguaglianza diventa vera o falsa

if (cond) {
  ...
}

La clausola “else”

L’istruzione if può essere seguita da un blocco opzionale “else”. Questo viene eseguito quando la condizione è falsa.

Ad esempio:

let year = prompt('In which year was the ECMAScript-2015 specification published?', '');

if (year == 2015) {
  alert( 'You guessed it right!' );
} else {
  alert( 'How can you be so wrong?' ); // qualsiasi valore tranne 2015
}

Condizione multiple: “else if”

Qualche volta vorremmo testare diverse varianti di una condizione. Per questo esiste la clausola else if.

Ad esempio:

let year = prompt('In which year was the ECMAScript-2015 specification published?', '');

if (year < 2015) {
  alert( 'Too early...' );
} else if (year > 2015) {
  alert( 'Too late' );
} else {
  alert( 'Exactly!' );
}

Nel codice sopra JavaScript controlla anzitutto la prima condizione, year < 2015. Se risulta falsa va alla successiva condizione year > 2015 ed esegue il codice dentro le parentesi graffe, altrimenti esegue il codice dentro al blocco else.

Ci possono essere molti blocchi else if. L’else finale è opzionale.

Operatore condizionale ‘?’

Qualche volta abbiamo bisogno di assegnare un valore ad una variabile in base ad una certa condizione.

Ad esempio:

let accessAllowed;
let age = prompt('How old are you?', '');

if (age > 18) {
  accessAllowed = true;
} else {
  accessAllowed = false;
}

alert(accessAllowed);

Esiste un operatore “condizionale”, o “punto interrogativo”, che ci consente di farlo in maniera più breve e semplice.

L’operatore viene rappresentato dal punto interrogativo ?. Il termine formale è “ternario”, perché richiede tre operatori. E’ l’unico operatore in JavaScript che ne accetta così tanti.

La sintassi è:

let result = condition ? value1 : value2;

La condition viene valutata; se risulta vera, viene ritornato value1, altrimenti viene ritornato value2.

Ad esempio:

let accessAllowed = (age > 18) ? true : false;

Tecnicamente, potremmo omettere le parentesi attorno ad age > 18. L’operatore condizionale ha una precedenza molto bassa, viene eseguito dopo gli operatori di confronto >.

Il risultato dell’esempio sotto è uguale a quello precedente:

// l'operatore di confronto "age > 18" viene eseguito per primo
// (non c'è bisogno di racchiuderlo tra parentesi)
let accessAllowed = age > 18 ? true : false;

Ma le parentesi rendono il codice più leggibile, quindi è consigliabile utilizzarle.

Da notare:

Nell’esempio sopra sarebbe possibile omettere anche l’operatore ternario, perchè l’operatore di confronto > ritorna già di suo true/false:

// stesso risultato (risulterà in `true` o `false`, a seconda del valore di `age`)
let accessAllowed = age > 18;

Multipli operatori ‘?’

Una sequenza di operatori ? consente di ritornare un valore che dipende da più condizioni.

Ad esempio:

let age = prompt('age?', 18);

let message = (age < 3) ? 'Hi, baby!' :
  (age < 18) ? 'Hello!' :
  (age < 100) ? 'Greetings!' :
  'What an unusual age!';

alert( message );

Potrebbe essere difficile, inizialmente, capirne la logica. Ma dopo averlo guardato da più vicino ci accorgeremo che è una semplice sequenza di condizioni.

  1. Il primo operatore “?” controlla age < 3.
  2. Se è vero – ritorna 'Hi, baby!', altrimenti – segue la colonna ":", controlla age < 18.
  3. Se questo è vero – ritorna 'Hello!', altrimenti – segue la colonna ":", controlla age < 100.
  4. Se questo è vero – ritorna 'Greetings!', altrimenti – segue la colonna ":", ritorna 'What an unusual age!'.

La stessa logica riscritta utilizzando if..else:

if (age < 3) {
  message = 'Hi, baby!';
} else if (age < 18) {
  message = 'Hello!';
} else if (age < 100) {
  message = 'Greetings!';
} else {
  message = 'What an unusual age!';
}

Uso non tradizionale dell’operatore ‘?’

Qualche volta l’operatore ? si utilizza per rimpiazzare l’istruzione if:

let company = prompt('Which company created JavaScript?', '');

(company == 'Netscape') ?
   alert('Right!') : alert('Wrong.');

In base alla valutazione della condizione company == 'Netscape', viene eseguita la prima o la seconda parte (e il rispettivo alert).

Qui non assegniamo il risultato ad una variabile. L’idea è di eseguire un codice differente a seconda della condizione.

Non è consigliabile utilizzare l’operatore ternario in questo modo.

La notazione risulta essere molto più breve rispetto all’istruzione if; questo viene sfruttato da molti programmatori, ma risulta meno leggibile.

Compariamo il codice sopra con una versione che utilizza if invece dell’operatore ternario ?:

let company = prompt('Which company created JavaScript?', '');

if (company == 'Netscape') {
  alert('Right!');
} else {
  alert('Wrong.');
}

I nostri occhi esaminano il codice verticalmente. I costrutti che si estendono per qualche riga risultano più semplici da capire piuttosto di un’unica istruzione che si estende orrizontalmente.

L’idea dell’operatore ternario ? è di ritornare, in base a una condizione, un valore piuttosto di un altro. Va quindi utilizzato solo in questo tipo di situazioni. Per eseguire diversi codici è consigliabile utilizzare il costrutto if.

Esercizi

importanza: 5

L’alert verrà mostrato?

if ("0") {
  alert( 'Hello' );
}

Certo.

Qualunque stringa&#8209;ad eccezione di quella vuota ("0" non lo è)- diventa true in contesto booleano.

Possiamo eseguirlo e controllare:

if ("0") {
  alert( 'Hello' );
}
importanza: 2

Usando il costrutto if..else, scrivi un codice che chieda: ‘What is the “official” name of JavaScript?’

Se l’utente digita “ECMAScript”, ritorna “Right!”, altrimenti-- ritorna: “Didn’t know? ECMAScript!”

Demo in una nuova finesta

<!DOCTYPE html>
<html>

<body>
  <script>
    'use strict';

    let value = prompt('What is the "official" name of JavaScript?', '');

    if (value == 'ECMAScript') {
      alert('Right!');
    } else {
      alert("You don't know? ECMAScript!");
    }
  </script>


</body>

</html>
importanza: 2

Utilizzando if..else, scrivi un codice che preleva un numero tramite prompt e lo mostra con un alert:

  • 1, se il valore è maggiore di zero,
  • -1, se è minore di zero,
  • 0, se è uguale a zero.

In questo esercizio supporremo che l’input sia sempre un numero.

Demo in una nuova finesta

let value = prompt('Type a number', 0);

if (value > 0) {
  alert( 1 );
} else if (value < 0) {
  alert( -1 );
} else {
  alert( 0 );
}
importanza: 5

Riscrivi il seguente if utilizzando l’operatore ternario '?':

let result;

if (a + b < 4) {
  result = 'Below';
} else {
  result = 'Over';
}
let result = (a + b < 4) ? 'Below' : 'Over';
importanza: 5

Riscrivi if..else utilizzando più volte l’operatore ternario '?'.

Per migliorare la leggibilità, è consigliato dividere il codice in più linee.

let message;

if (login == 'Employee') {
  message = 'Hello';
} else if (login == 'Director') {
  message = 'Greetings';
} else if (login == '') {
  message = 'No login';
} else {
  message = '';
}
let message = (login == 'Employee') ? 'Hello' :
  (login == 'Director') ? 'Greetings' :
  (login == '') ? 'No login' :
  '';
Mappa del tutorial

Commenti

leggi questo prima di lasciare un commento…
  • Per qualsiasi suggerimento - per favore, apri una issue su GitHub o una pull request, piuttosto di lasciare un commento.
  • Se non riesci a comprendere quanto scitto nell'articolo – ti preghiamo di fornire una spiegazione chiara.
  • Per inserire delle righe di codice utilizza il tag <code>, per molte righe – includile nel tag <pre>, per più di 10 righe – utilizza una sandbox (plnkr, jsbin, codepen…)